Sentiero Dos della Croce

Dopo aver lasciato l’auto al parcheggio di Trivigno (Link Trivigno web cam) Bassa ci si incammina sul sentiero che in poco tempo ci porta alla chiesa di S. Gaetano. Da questo punto si attraversa la strada e salendo si imbocca la prima deviazione sulla sinistra.

Da questo punto il sentiero sale e seguendo le indicazioni ci porta in direzione del Monte Padrio. Il bosco di abeti e larici si alterna a delle radure fino a raggiungere il sentiero che sale verso il Padrio, a questo punto si tiene la destra e si scende verso la strada che durante l’estate ci consente di raggiungere Guspessa e il Mortirolo.

Da qui in poco tempo ci si porta verso la casetta per lo sci da fondo e scendendo si ritorna verso la chiesa di S. Gaetano e il punto di partenza dell’anello.
Per i più allenati continuando sulla strada innevata verso est si raggiunge un punto panoramico unico per bellezza.

Equipaggiamento: 
Normale dotazione escursionistica da neve, ciaspole, bastoncini o eventualmente ramponcini.
Servizi utili: 
Punti di appoggio: 

Trivigno
Ristorante Bar Paradiso  - tel. 0342 746620 cell. 335 5362964 
Pian di gembro
Ristorante Albergo Le Betulle - tel. 0342 746591 (anche pernottamento)
Cascina Biancotti - tel. 0342 747061 cell. 328 7784347 (anche pernottamento)
Ristorante Bar Oasi - cell. 328 5680816 - 366 5246664
Ristoro Pian di Gembro - tel. 0342 746918 cell. 339 6866212
Agriturismo Piscè - cell. 330 520174
Ristorante la quercia antica - tel. 0342 746494



Ciaspole

Il percorso in breve

  • Lunghezza: 7,3 km
  • Quota partenza: 1590 mslm
  • Quota arrivo: 1863 mslm
  • Quota massima raggiunta: 1863 mslm
  • Tempo di percorrenza: 3 ora e 30 minuti 
Difficoltà: 
Medio-facile

 Posti auto alla partenza del sentiero nelle vicinanze di Trivigno Bassa o nei pressi della chiesa di S. Gaetano 

 

I nostri consigli

  • usa sempre attrezzatura e un abbigliamento corretto 
  • valuta le condizioni fisiche tue e di chi cammina con te
  • considera attentamente le condizioni del terreno
  • osserva e previeni le variazioni del tempo
  • considera le ore di luce e valuta il tempo di percorrenza
  • l’entusiasmo non deve mai offuscare la necessaria prudenza