Luca Manfredi Negri tenta un record mondiale ad Aprica

L’evento

Viste le condizioni meteo non proibitive è confermato il primo evento della stagione estiva in Valtellina e soprattutto ad Aprica. L’evento, denominato 24h Up&Down Aprica, sarà il primo tentativo italiano da parte di Luca Manfredi di record del Mondo di dislivello positivo e negativo. Il vecchio record di 15467 metri è stato migliorato il fine settimana scorso in Finlandia da un ultra runner di nome Juha Jumisko, che è riuscito a completare incredibilmente 16054 metri in salita.

 

Il percorso

Per superare il record di 16054 metri Luca Manfredi dovrà compiere poco più di 32 ascese lungo la pista C del Palabione ad Aprica, lunga esattamente 2,1 km e con dislivello di 500 metri esatti. La pista C dove si svolgerà l’impresa parte da Piazza Palabione, dove verrà allestita la zona partenza e arrivo, e si conclude in zona Malga Palabione, arrivo funivia, su un sentiero largo molto ripido della pendenza media del 23,8%. 

 

La giornata

L’evento avrà inizio ufficiale alle 10 di mattina di sabato 13 giugno ad Aprica in Piazza Palabione, e proseguirà per tutte le 24 ore quando Luca continuerà nel suo intento di salire e scendere più volte possibile dal Palabione. In Piazza sarà allestita un’area di “attesa” con speaker, musica, interviste, aneddoti, live streaming e altro per intrattenere il pubblico che sarà lì ad aspettare l'ultra runner all’incirca ogni 40/45 minuti. In quota a Malga Palabione sarà invece allestita un'area ristoro, dove Luca potrà contare sul supporto di amici e fan che saranno pronti a dar la carica necessaria per raggiungere il record. Sarà possibile seguire sui social l’impresa attraverso dirette streaming e aggiornamenti ogni ora.

 

Il record

Per completare l’impresa saranno necessari poco più di 32 giri, che sul percorso scelto da Luca corrispondono a 134 km, dei quali 67 di salita al 24%. Ogni giro da 4,2 km dovrà essere completato ad una media di 45 minuti, ovvero circa 33/34 minuti in salita per giro. Questo significa che si troverà col naso all'insù per più di 18 ore. Per i più tecnici di questi dati l’ascensione media oraria dovrà essere intorno ai 900 m/h.

 

Aldilà dell’esito del tentativo di record davvero arduo da raggiungere, si prospettano quindi ad Aprica due grandi giornate di tifo e di sport, dove i turisti, gli aprichesi e gli sportivi della Valle e non solo sono chiamati ad essere la componente aggiuntiva di questa impresa, che comprende aspetti fisici e mentali fuori dal comune. 

Per questo Luca invita tutti ad Aprica il 13 giugno, rispettando le distanze di sicurezza, per incitarlo e spronarlo verso il suo obiettivo e il suo sogno.